Lo Spiedo di Serle

Il Comune di Serle è, da qualunque angolatura si voglia inquadrare la storia dello spiedo, un’autentica capitale, ricca sia di tradizioni nella caccia sia nell’ospitalità. Per questa ragione Enti come Comune e Pro Loco ed i ristoratori locali hanno creduto, da anni, nell’importanza di valorizzare lo spiedo come elemento culturale e di proposta turistica.
Poi, nel 2010, la svolta. L’Amministrazione comunale ha voluto dotarsi di Denominazione Comunale (DE.CO.) proprio per lo spiedo. Con la DE.CO. si vogliono, prima ancora che valorizzare, tutelare i prodotti (alimentari e artigianali) e le preparazioni alimentari, mantenendole legate alle consuetudini del territorio e potenziandone la tipicità. Un viaggio nella cultura materiale dei luoghi, quindi. Ma soprattutto, attraverso questo strumento, si è dato nuovo impulso all’accoglienza presso i ristoranti, che hanno visto nell’azione dell’Amministrazione, la giusta occasione per promuoversi.
Un viaggio a Serle alla scoperta del suo spiedo è quindi un dovere per ciascun buongustaio: la meticolosità nella preparazione delle carni, la professionale esperienza delle lunghe cotture ed il gusto unico dell’alternanza di lombo di maiale ed uccelletti mette a dura prova chi si dichiari perennemente a dieta. Ma l’opportunità del tutto unica per assaporare l’autentico spiedo è arricchita dalla possibilità di conoscere l’altopiano di Cariadeghe, un microcosmo a pochi chilometri da Brescia rimasto intatto negli anni.

Lo Spiedo di Serle
Tagged on:         

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *