Nas-cëtta Novello

Alla riscoperta del ( o della ) Nas-cëtta, un vitigno a bacca bianca originario delle Langhe, in Piemonte, dove era coltivato per un consumo famigliare, come vino da tavola o da taglio o anche come uva da tavola. Un vitigno gia’ menzionato a meta’ dell’ 800 e descritto dall’ ampelografo Rovasenda come ” uva delicatissima e vino squisito”. Vitigno di cui pero’ si erano quasi perse le tracce in Piemonte, tranne che per alcuni filari rimasti nel territorio di Novello, nel cuneese. E da qui è ripartita la vita di questo vitigno grazie all’ interessamento dell’ amministrazione comunale, dell’ Universita’ di Agraria e di alcuni produttori, come alternativa al vino principe di quel territorio e cioè il Barolo. La produzione di questo vino è iniziata verso il 1990 con poche migliaia di bottiglie e otto produttori. E’ un vitigno di medio vigore, adatto al Guyot e con produzione non elevata ma costante, adatto ai terreni magri, ben esposti ed a quote anche di 300-400 metri. Germoglia in anticipo e matura poco prima o contemporaneamente al Dolcetto. La resa è di circa 90 quintali ad ettaro.. Si adatta a diverse procedure di vinificazione, anche alla fermentazione in legno. Dal punto di vista aromatico si esprime attraverso sentori che vanno dal fruttato al floreale. Si esprime al meglio nei primi due anni di vita anche se, in relazione alla tecnica di affinamento, puo’ durare anche di piu’. Il disciplinare prevede rigide normative tanto che i produttori non disperano di arrivare presto ad ottenere la Docg. Anche per questo si moltiplicano le iniziative per farlo conoscere, come la degustazione che si è svolta nei giorni scorsi e che ha visto i vini dei sette principali produttori di Nas-cetta, Elvio Cogno, La Pergola, Le Strette, Marenco, San Silvestro, Stra e Vietto Luigi. Un vino che merita una diffusione maggiore anche perchè, come ha dimostrato un esperimento dei fratelli Daniele, dell’ azienda Le Strette, si presta ad ottenere persino un passito eccezionale.
Renato Girello

Nas-cetta

Nas-cëtta Novello
Tagged on:                 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *