Carnia e Dintorni

CARNIA E DINTORNI – TERRE SAPORI E VINI

Situata all’ estremo Nord-Est dell’ Italia, al confine con l’ Austria e la Slovenia, la Carnia comprende numerose vallate che salgono sino alle Dolomite friulane. Un territorio che offre numerose possibilità di turismo a contatto con la natura, in particolare nel periodo estivo, quando sono possibili escursioni nella malghe, quasi una cinquantina, situate fra i 1500 ed i 1800 metri di quota. Costruite per ospitare i margari che accudiscono gli animali, saliti in alpeggio nei mesi estivi per sfuggire al caldo della pianura e variare l’alimentazione, grazie alle quasi 3 mila varieta’ di erbe che caratterizzano queste zone, le malghe sono delle costruzioni molto vaste dove si producono gli ottimi formaggi locali, e che spesso offrono anche vitto e alloggio agli escursionisti che salgono dai
paesi più a valle, in fuoristrada o a piedi ma più spesso con le moto o addirittura in bici, su percorsi in parte anche da Giro d’italia e che in alcuni casi raggiungono delle pendenze di oltre il 25 %. Più in basso le possibilità di alloggio spaziano dagli alberghi tradizionali, fra cui alcuni dotati anche di piscina e beauty farm, ad altre strutture come l’Albergo diffuso”, di Sutrio, che propone oltre 150 posti letto distribuiti in appartamenti e case ristrutturate del centro storico della cittadina. Altre possibilità la offrono i numerosi agriturismi come, ad esempio, ad Arta Terme, Randis, che propone escursioni ma anche anche corsi a cavallo per esperti e principianti, e poi vita di fattoria per bambini e ragazzi. Un soggiorno in Carnia permette di apprezzare anche la cucina locale, specialmente i Cjarsons, ravioli o agnolotti dagli innumerevoli gusti e forme ripieni di ricotta e delle più diverse verdure, poi il Frico, altro piatto che non manca mai, formaggio cotto, dolce o salato, anche questo con diversi ingredienti che variano da locale a locale e da cuoco a cuoco, e infine il prosciutto di Sauris. In Carnia è possibile anche usufruire delle terme, per terapie con acque e fanghi e trattamenti che vanno dalla riabilitazione alla fisioterapia, e, per chi ama la storia e l’ archeologia, a Zuglio si possono visitare gli scavi di un antico centro romano, nato probabilmente durante il proconsolato di Giulio Cesare, fra il 58 e il 49 a.C. L’ unica cosa che manca in Carnia sono i vigneti, a cui sopperisce la vicina provincia di Gorizia, con i grandissimi vini, soprattutto bianchi, che hanno resa famosa la regione Friuli Venezia Giulia. Fra le grandi aziende locali, a Capriva del Friuli, c’è Il castello di Spessa, famoso per il suo maniero che ha ospitato in passato Giacomo Casanova, e che ora accoglie una clientela internazionale nelle sue stanze, ma anche per il suo campo da golf, e soprattutto per i grandi vini. Accanto ai due ristoranti ora, nel castello, è stato aperto il Bistrot ” Il gusto di Casanova”, che propone, accanto a degustazioni di alto livello, il meglio della produzione vinicola del Castello di Spessa.

Renato Girello

Carnia e Dintorni
Tagged on:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *