DABA Drift – Food Riders

COS’E’ IL DRIFT

Questa tecnica non si propone come il classico di stile di guida da utilizzare in pista, in quanto assolutamente inefficace ai fini cronometrici; la finalità primaria di questa disciplina infatti, è quella di percorrere più curve e metri possibili con la vettura completamente intraversata, facendo assumere alle ruote posteriori un angolo di deriva differente da quelle anteriori. Nel dettaglio, questo si traduce nello sfruttare il motore ed i trasferimenti di carico del veicolo in decelerazione per far perdere aderenza al ponte posteriore, facendo scivolare il retrotreno in sovrasterzo verso l’esterno della curva; una volta ottenuta questa dinamica si controlla l’auto in sbandata di potenza fino alla fine della curva. Ne deriva che si perde inevitabilmente velocità di percorrenza a centro curva, ed i pneumatici molto spesso faticano a scaricare a terra gli oltre 600 cv delle vetture, questo fa si che l’accelerazione in uscita di curva sia minore. Il drifting quindi, mira soltanto alla spettacolarità ed all’esibizione della tecnica necessaria nel condurre la
vettura in queste situazioni limite; prova ne sia che la vittoria è determinata non dal miglior crono, bensì dai voti espressi dai giudici, come ad esempio nella ginnastica artistica o nei tuffi. Queste competizioni hanno origine dalle corse clandestine Giapponesi, mondo reso celebre successivamente dalla fortunata serie THE FAST AND THE FURIOUS. A distanza di diversi anni dalla nascita, il drifting conta oltre 200 competizioni internazionali, delle quali circa 150 disputate nel solo Giappone

DABA Drift – Food Riders
Tagged on:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *