Gusto in scena 2016 – Venezia

GUSTO IN SCENA

Gusto In Scena torna a Venezia con la cucina del senza vista attraverso le cotture a bassa temperatura.

Tema dell’edizione di quest’anno la tecnica di cottura che coniuga ricerca e salute. Una tecnica antica che diventa innovativa grazie alla moderna tecnologia.
Dal 28 al 29 Febbraio 2016 la Scuola Grande di San Giovanni Evangelista a Venezia ha accolto l’ottava edizione di Gusto in Scena, in cui per l’occasione, l’ideatore e critico enogastronomico Marcello Coronini, ha scelto come tema del congresso la Cucina del Senza vista attraverso le cotture a bassa temperatura.
Oggi si è sviluppato sicuramente grande interesse attorno a questa tecnica di cottura sempre più presente nelle cucine sopratutto professionali, tanto da trasformarsi in breve tempo in un tema molto attuale per la sua capacità di rispettare tutti i principi nutritivi dell’alimento e al contempo aiutare la concentrazione del gusto favorendo una textura morbida di alcuni prodotti, come le carni.
Le preparazioni a bassa temperatura sono sicuramente innovative grazie all’utilizzo di apparecchiature particolari per cucinare, ma trovano già spazio nell’antichità: basti pensare alla preparazione dei cibi realizzata sotto la cenere o sulla bocca dei forni quando l’uomo produceva manufatti, per lo più in coccio, ed utilizzava la stufa a legna presente nelle cucine di un tempo.
Non sono mancate le novità che hanno accompagnato Gusto in Scena 2016 come I Magnifici Vini, classificati dallo stesso Coronini tramite la storia che si cela ad ogni etichetta, offrendo a Marcello e Lucia Coronini l’occasione di creare una narrazione ricca di curiosità e storie legate al mondo del vino. Ecco predere vita un’accattivante suddivisione in quattro categorie: i vini di mare, di montagna, di pianura e di collina.
La manifestazione veneziana non dimentica l’importanza della qualità dei Prodotti Gastronomici italiani, che trovano qui la massima espressione in Seduzioni di Gola, un inno alle specialità e alle golosità dell’altagastronomia sia italiane che europee, che si differenziano per aver segnato il percorso delle eccellenze gastronomiche nel mondo.
Fonte Ufficio Stampa Gusto in Scena

Gusto in scena 2016 – Venezia
Tagged on:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *