Dolomiti Friulane – La Via dei Saperi e dei sapori

Patrimonio naturale dell’ Unesco le Dolomiti si dividono fra il Veneto ed il Friuli. Piu’ famose e conosciute le prime, piu’ incontaminate le altre, che fanno parte del parco naturale che si estende per 37 mila ettari e coinvolge le aree di 7 comuni in provincia di Pordenone e 2 in quella di Udine. Il paesaggio è caratterizzato da vallate strette e lunghe. Un ambiente che favorisce un turismo di chi ama il contatto con la natura, a piedi, in mountain bike, a cavallo ma anche in canoa o kajak, o calandosi in orridi dal fascino eccezionale, osservando i fiori e gli animali che sono i protagonisti indiscussi del territorio. Accanto una popolazione che propone una storia, una tradizione, una cultura che in altre parti del territorio è stata quasi consumata dal turismo di massa e che invece qui resiste e diventa il valore aggiunto per chi è disposto a venire a cercarla nei piccoli borghi dalle case di pietra e legno, alla scoperta di attivita’ che si credevano perse, come le coltellerie di Maniago o gli agriturismi, come quello di Borgo Titol, che propone la Pitina, presidio Slow Food tipico di queste terre. Quì si possono trovare ristoranti come La Stella, di Meduno, premiato come il migliore Awards 2015 dell’ Alpe Adria, o Al Belvedere di Sequals che propone cene all’ insegna di fiori ed erbe. E poi vini da vitigni autoctoni friulani, come quelli dell’ azienda di Emilio Bulfon. Senza dimenticare che da queste parti, e precisamente a Palu’ di Livenza, si trova il piu’ antico insediamento palafitticolo del Friuli Venezia Giulia o, a Polcenigo, il Museo dell’ arte cucinaria.
Renato Girello

Dolomiti Friulane – La Via dei Saperi e dei sapori
Tagged on:     

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *